sabato 22 novembre 2014

Londra. Ancora.


 

 
 
   
 
A Londra in Ottobre con la mia mamma e la mia bimba più grande: tanta metro, una delle cose che più amo di qui e dove potrei passare ore. Tantissimo buon cibo, soprattutto greco e orientale, ma anche una meravigliosa English breakfast a Brixton un sabato mattina, in una tavolata di legno piena di londinesi pigri e vacanzieri. Lunghe lente camminate col naso all'insù, lungo il Tamigi e a Sud della città. E una buona dose di shopping, piuttosto kitsch. Va detto.
Londra non mi stanca mai e ho sempre in mente di ritornarci appena possibile.
Perché amo in lei quello che la anima e la attraversa. La sua essenza, molto più che le strade, i palazzi, i ponti e la sostanza di cui è fatta. Per quanto bellissimi siano.
Amo quella varietà, umana e di situazioni, che la popola.
Quel sentire che ogni volta, per quanto io sia percettiva, curiosa (tantissimo!) e capace di annusare e respirare a fondo una situazione, qualcosa di lei mi sfugge sempre. Mi sfugge ancora.
La percezione che, spesso inaspettatamente, la situazione cambi appena voltato l'angolo: l'odore del cibo venduto per strada, lo stile delle scarpe che corrono sul marciapiede, il cemento più spinto che si trasforma in verde campagnolo contro i muri, i negozi che diventano gallerie d'arte, il globalizzato spinto alternato a situazioni molto caratteristiche e irripetibili.  Frastuoni,  ma anche silenzi.
E la sensazione ben precisa che infinite possibilità si intrecciano qui. Infiniti modi di essere e stare al mondo.
Tante città diverse per ogni quartiere e ogni quartiere articolato in vari gruppi di vie con logiche e atmosfere tutte loro.
E Londra è uno di quei posti capaci di regalarmi una cosa potente: farmi sentire un po' diversa ogni volta, ancora capace di cambiare. Che mi ricorda che non ho mai voluto fossilizzarmi neppure per sbaglio in un'immagine e in un prototipo. E benché questo sia vero sempre, e credo valga un po' per tutti più o meno inconsapevolmente, essere qui è una delle situazioni rare in cui me lo ricordo bene ogni secondo.

11 commenti:

  1. Mi piaccioni moltissimo le tue foto. Non le solite da cartolina, ma foto che sanno cogliere le atmosfere, i colori, la grande diversità di questa città straordinaria.
    Un bacio
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesca grazie davvero, è ciò che cerco nella fotografia :)

      Elimina
  2. Ciao!
    Essendo la prima volta che passo di qui, ricambiando la tua gradita visita, non potevo imbattermi in un post migliore: noi adoriamo Londra!! Le tue immagini mi hanno fatto sognare un po'!

    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A presto anche da te! Tante cose in comune...

      Elimina
  3. quanto adoro le tue foto!!!!!!!!fai sembrar di essere la..
    un bacio

    RispondiElimina
  4. Concordo pienamente su quanto hai scritto di Londra.
    Sono tornata da circa una settimana e già stò pensando a quando poterci tornare di nuovo.
    Grazie per la tua visita :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si infatti: non appena ritorno già sono lì a pensare a quando sarà la prossima volta! Non mi capita assolutamente con tutti gli altri posti che visito. Solo Sicilia, Roma e Londra così fortemente.

      Elimina
  5. Belle foto, e quanto dev'essere piacevole stato questo viaggio! Sembra che il tempo li sia stato abbastanza gradevole poi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Lucie, tres agreable e anche il tempo poco londinese, mai aperto l'ombrello!

      Elimina
  6. Anch'io di Londra adoro il senso di libertà dagli stereotipi. Belle foto e bei sentimenti. Ketty

    RispondiElimina